Gioia e soddisfazione a Matany

Dire quello che ho visto con i miei occhi è stato veramente splendido!!! La visita all’ asilo di Matany è stata decisamente entusiasmante e ci ha riempito i cuori di grande gioia e soddisfazione. La maestra Luigia sta portando avanti l’educazione e l’istruzione dei bambini con grande professionalità ed impegno. Questo è ricosciuto dai genitori e dalle autorità locali ma anche internazionali, come l’Unicef che aiuta con kir didattici, giostrine e speriamo anche altro. Appena arrivati abbiamo visto tantissimi bambini in cortile che giocavano, avevano tutti la “uniform”, erano puliti e ordinati. Sono venuti a salutare e a darci la mano, come fanno sempre tutte le persone che incontri. Abbiamo salutato tutte le maestre, vecchie e nuove e le altre degli asili “sotto l’albero” che stavano facendo un corso di aggiornamento in classe con i bambini e le altre maestre-tutor. Poi, al solito battito di ferro al cerchione di camion è suonata “la campanella” e tutti in fila sono entrati nelle proprie classi in maniera ordinata. Abbiamo salutato ancora i bambini e le insegnanti in ogni classe. Erano tutte ordinate e ricche di materiali appesi alle pareti con cartelloni preparati dalle insegnanti ed altri plastificati ed ancora perfetti che avevamo preparato gli anni passati. I bambini erano attenti con occhi vispi ed interessati rispondevano alle domande Ci hanno cantato delle belle canzoncine di benvenuto.
Non so come fare per trasmettere questa grande emozione provata dopo questi 28 anni di impegno da parte di tutte le persone che in vario modo hanno sostenuto, lavorato e amato questi bambini. Ci sono state e ci sono sempre tante problematiche da risolvere, sennò non sarebbe vita, ma l’impegno costante sta dando questi frutti così belli che, decisamente, riempiono il cuore di grande soddisfazione speranza e voglia di continuare per questa gente che ha il desidero di “imparare”.
Ci sono anche due classi di primaria: la prima e la seconda, volute dai genitori. I bambini erano proprio ubbidienti, avevano gli occhi attenti, curiosi. ed interessati. Questo lo ridico perché l’educazione e l’istruzione in Africa sono molto spesso ripetitive e monotone e con queste metodiche si può togliere e/o affievolire la motivazione all’apprendimento.
Questi bambini di certo, a prima vista, non davano impressione di noia e di rilassatezza, ma, al contrario, di vivacità ed entusiamo di imparare. Questo è molto importante nell’apprendimento perché facilita l’acquisizione e la permanenza dei concetti acquisiti.
Sabato mattina avremo un incontro con tutti i genitori che ci chiedetanno aiuto pet costruire il resto della scuola primaria, dalla terza alla settima. Noi ascolteremo e prendendoci un po’ di tempo decideremo tutti insieme, una volta arrivati in Italia, sul da farsi perché ci è richiesto un bel impegno: economico!

Se vuoi fare una donazione per contribuire al completamento delle nostre opere vai a questa pagina, il tuo aiuto può fare la differenza.